Presentazione Giordano Schiena

Presentazione Giordano Schiena

Da pochi mesi Responsabile del Settore Giovanile della LVPA, Giordano Schiena ha le idee chiare sul presente e sul futuro del vivaio amaranto-arancio.

Nominato Responsabile a Ottobre, dopo aver iniziato come Capo Area Scouting, Schiena ci parla di questi primi mesi come Responsabile ripercorrendo momenti e prospettive delle varie compagini della LVPA.

Giordano, sei arrivato da pochi mesi, che lavoro stai impostando nel settore agonistico?

Ho accettato l’incarico con molta voglia e soddisfazione, da scouting a Responsabile è una bella responsabilità.

C’è stata necessità sin da subito di intervenire su qualche situazione un po’ delicata, ci è dispiaciuto mandare via qualche allenatore ma era necessario riorganizzare le squadre e chi le gestiva viste le situazioni critiche in classifica.

C’era bisogno anche di intervenire a livello di mercato, la categoria dove c’è stato più bisogno sono stati gli Under 15 che hanno cambiato allenatore e molti giocatori, stiamo provando a salvare la stagione con Pierangeli che aveva già fatto bene con gli Under 18.

Con le altre squadre siamo in corsa per tutti gli altri obiettivi, soprattutto con l’Under 19 che  da qualche tempo ha cambiato passo.

Si è formato un gruppo solido con qualche innesto sul mercato e con l’arrivo di mister Mussoni che ci ha dato una mano anche a livello di gioco, siamo cambiati in positivo. Con l’Under 19 c’era anche la necessità di formare un gruppo di prospettiva per una eventuale Juniores futura di livello più alto, abbiamo attinto parecchio dai 18 e preso alcuni giocatori dal mercato del 2004 che saranno utili in futuro.

Sia l’Under 19 che altre squadre hanno tanti sottoetà in suqadra, è una politica societaria?

È una scelta societaria: i giocatori più pronti vanno a fare un allenamento a settimana con la categoria superiore, e quando c’è l’opportunità li portiamo anche in partita. È una scelta che punta a migliorare i giocatori, facendogli alzare il ritmo partita e l’intensità.

Gli Under 14 sono il gruppo che forse ci sta dando più soddisfazione.

Andrea Mastracchio è un ottimo allenatore, ha formato un gruppo che ha grande senso di appartenenza alla società e che soprattutto lavora e con qualità. Lavorano bene durante la settimana e i risultati sono il frutto del loro impegno, giocano bene e si divertono, stanno vivendo un grande momento.

La batteria Allievi, Under 17 e 16, sono in linea con i loro obiettivi.

Con i 17 siamo obbligati a prendere l’Elite, per ora siamo primi nei Regionali, stiamo mantenendo le aspettative per ora nonostante la sconfitta con il Breda, con cui forse abbiamo pagato la sosta relativa al Covid. Un passo falso non pregiudica la stagione.

I 2006, che fanno l’Under 16 Elite, dopo un buon avvio erano entrati in un periodo negativo dove non si riusciva ad ottenere risultati nonostante il lavoro. Era diventato un obbligo dare una sterzata e a malincuore ho dovuto cambiare la guida tecnica, la prima partita è stata una bella risposta: abbiamo battuto 8 – 1 il De Rossi che è una squadra con cui dovremo giocarci la salvezza. Siamo fiduciosi, è dura e c’è ancora da lavorare ma mister Gagliardi ha iniziato molto bene.

Gli Under 18 sono primi in classifica.

Sono un gruppo responabile, valido, che sta vincendo il campionato nonostante spesso i migliori giocatori vadano con gli Under 19. Vincere il campionato Under 18 per noi sarebbe motivo di orgoglio, è un campionato con il quale stiamo testando i ragazzi per la prossima Under 19.

Un giudizio generale sulla LVPA.

Quando sono stato chiamato non ho esitato ad accettare perché con le persone che appartengono a questa società ho anche rapporti extra calcio, di stima e amicizia. Siamo un team che possiamo fare bene e speriamo di far alzare il prestigio della LVPA.

Lascia un commento