La LVPA impatta con il Pontinia, zero a zero amaro al Caporuscio

La LVPA impatta con il Pontinia, zero a zero amaro al Caporuscio

Eccellenza, 16^ giornata: Pontinia – LVPA Frascati 0 – 0

Pontinia: Stefanini; Di Tullio, Antelmi, Balba, Razzini; De Martino, Mandatori (25’st Piersanti), Tornesi; Mariniello, Aquilani (45’st Pacifici), Malandruccolo. A disp. : Testa, Cerocci, Lisi, Romani, Alberghini, Tello. All. : Pernarella.

LVPA: Santi; Ferraro, Molinari, Montella, Paolelli; Citro, Panella, Tordella; N. Muzzi (46’st Costantini), R. Muzzi (37’st Pagliaroli), De Vita (13’st Pompili), A disp. : Iali, D’Acunzo, Villa, Caso, Schiena. All. : Pace.

Arbitro: Pacini di Aprilia. Assistenti: Scionti e Mocanu di Roma 1.

Note: Malandruccolo, Citro, Di Tullio, Panella, Pompili; all’8’st espulso Citro per somma di ammonizioni; rec. 0’ e 4’.

La LVPA Frascati impatta per 0 – 0 sul difficile campo di Pontinia, contro i padroni di casa che hanno sfoderato una prestazione gagliarda.

I ragazzi di Pace hanno sofferto il terreno di gioco, un manto d’erba naturale ridotto in condizioni indecenti, e non sono riusciti a sfondare. Poche le occasioni da entrambe le parti, con Santi autore di almeno tre grandi interventi a protezione del risultato. Pesa come un macigno l’espulsione di Citro, sanzionato con il giallo nei suoi due unici falli della partita da un eccessivaente severo Pacini di Aprilia.

Pontinia in formazione tipo, la LVPA ha fuori Lalli e Hrustic per squalifica, Sebastiani per infortunio e Pompili, Pagliaroli e Costantini non al meglio dalla panchina.

La gara sembra promettere emozioni, al terzo minuto punizione dalla destra per la LVPA, Stefanini non trattiene e sulla ribattuta Ramon Muzzi mette alto.

È solo un fuoco di paglia, il primo tempo sarà noioso, le emozioni frenate dal bruttissimo terreno di gioco, che toglie precisione alla manovra delle due squadre. Si registra solo una grande parata di Santi al 33’, che alza la mano e manda il colpo di testa di Mariniello sopra la traversa.

Nella ripresa la LVPA ha l’occasione per sbloccarla: Molinari avvia con straordinaria lucidità un contropiede pericoloso, Ramon Muzzi rifinisce per il fratello Nicholas che a tu per tu con Stefanini si divora una grandissima occasione, mettendo la palla fuori.

Poco dopo la LVPA rimane in dieci: Citro, già ammonito, entra in ritardo su Mandatori, siamo a centrocampo, non c’è azione da gol, né imprudenza né cattiveria, ma Pacini tira fuori il secondo giallo per Citro, che chiude la partita dopo 53 minuti e due falli di gioco.

L’ennesima mazzata stagionale a livello arbitrale mette in difficoltà la LVPA che si aggrappa a Matteo Santi. Il portierone della LVPA sfoggia un doppio grande intervento, prima sul sinistro di Aquilani, poi sulla conclusione ravvicinata di Malandruccolo, murata con coraggio.

Al 26’ acuto LVPA da fermo, Ramon Muzzi tira una punizione che diventa un qualcosa a metà fra un tiro e un cross, nessuno sul secondo palo si presenta all’appuntamento.

Nel finale Malandruccolo semina il panico a destra, ma offre una conclusione pessima con la palla alta. Al 45’ è ancora decisivo Santi, che si esalta con il terzo miracolo di giornata sulla rasoiata di Mariniello, blindando lo zero a zero.

Finisce quindi in pareggio una partita brutta, giocata sottoritmo da entrambe le squadre e con poche occasioni. La LVPA può recriminare per l’ennesima direzione arbitrale francamente incomprensibile, con il rosso a Citro che grida vendetta.

Lascia un commento