Ferentino – LVPA Frascati 1 – 1

Ferentino – LVPA Frascati 1 – 1

Eccellenza, 12^ giornata: Ferentino – LVPA Frascati 1 – 1

Ferentino: Capogna; Delle Monache (13’st Mariani), Piscopo, Maura, Giorgi; Prati, Ciocchetti (26’st Del Signore 49’st Baldassarre), Orsinetti; D’Arpino, Gobbo, Giustini. A disp. : S. Fiorini, Cantagallo, F. Fiorini, Cialone, Pennacchia, Ciocconi. All. : Pippnburg.

LVPA: Santi; Villa, Molinari, Costantini, Montella (1’st Paolelli); Lalli, Hrustic, Panella; Negro (38’st Schiena), De Vita (42’st Muzzi), Pompili. A disp. : Iali, Splendori, D’Acunzo, Monni. All. : Pace.

Arbitro: Schmid di Rovereto. Assistenti: Camilli di Roma 1 e Bosco di Roma 2.

Marcatori: 10’st De Vita, 48’st Gobbo.

Note: 1’ e 6’ rec. ; ammoniti Montella, Giorgi, D’arpino, Piscopo; al 26’st espulsi Hrustic, F. Fiorini (dalla panchina) e Zera (dalla panchina).

Pareggio sfortunato nel big match di Eccellenza per la LVPA Frascati, che a Ferentino gioca una partita gagliarda ma viene punita dagli episodi. Dopo il vantaggio di De Vita, Capogna para un rigore a Costantini e l’arbitro Schmid espelle senza alcun motivo Hrustic, favorendo il Ferentino nella rimonta. Finisce uno a uno.

La gara – Per la LVPA è vera emergenza: Nohman è out e si aggiunge alle assenze di Pagliaroli, Citro, Ferraro e Sebastiani.

La LVPA parte propositiva e si guadagna la prima occasione della partita, Panella ruba palla e scambia con De Vita provando la conclusione, centrale, il Ferentino prende le misure e prova dal decimo a fare la partita.

Al 15’ azione travolgente di Giustini, che prende palla sulla trequarti, scambia con Gobbo e impegna Santi in uscita bassa, sulla ribattuta è provvidenziale l’intervento di Molinari che salva un gol fatto sulla linea.

Scampato il pericolo, la LVPA si riorganizza e contiene gli avverari, che calciano da fuori con Prati al 27’ senza fortuna. Alla mezz’ora Pompili tenta il jolly da fuori sfruttando una respinta di un calcio di punizione ma la mira è imprecisa.

Il primo tempo si chiude sullo 0 – 0, la ripresa sarà più aperta e di ben altro tenore. La LVPA trova subito il vantaggio sfruttando un erroraccio del portiere ciociaro Capogna, che in disimpegno regala palla a De Vita, che non può far altro che ringraziare e mettere in rete. Bel gesto di De Vita che non esulta per rispetto a Capogna.

Il Ferentino non riesce a reagire, e oltre a un tiro di D’Arpino al 19’ non produce molto. La LVPA invece matura una grossa occasione al 22’, con Pompili che viene sdraiato da Giorgi e Schmid di rovereto che fischia rigore. Come nelle favole, Capogna si riscatta e sfoggia una parata super su Costantini, che il rigore l’ha calciato anche bene, si rimane sull’uno a zero ma la gara diventa cattiva.

Al 25’ scoppia una rissa per un brutto gesto di Ciocchetti che da terra scalcia De Vita e innesca un parapiglia. L’arbitro Schmid si dimostra incapace di gestire la situazione, grazia Ciocchetti che andava espulso per condotta violenta e risolve il tutto rifilando un’espulsione vergognosa a Hrustic che non c’entrava niente, viene anche espulso Francesco Fiorini dalla panchina.

Quel che conta però è che la LVPA rimane ingiustamente in dieci contro undici, Ciocchetti verrà sostituito subito da uno scaltro Pippnburg, anche oggi un altro episodio arbitrale sfavorevole alla LVPA.

La gara cambia e il Ferentino si lancia all’attacco alla ricerca del pareggio, ma la LVPA si difende con ordine. Al 37’ Prati tenta la specialità della casa, il tiro da fuori, ma senza fortuna, al 43’ altra chance per il 2 – 0 con Panella che ruba palla e manda Muzzi in porta, la conclusione del figlio d’arte è centrale.

Nel finale arriva la beffa, con Gobbo che è bravo a inserirsi in area e a firmare di testa il gol del pareggio. Nei due lunghissimi minuti finali Matteo Santi salva il risultato con due parate pazzesche, sarebbe stata una punizione ingiusta per una LVPA che oggi ha dato battaglia e che avrebbe meritato di vincere.

Il calcio però è fatto di episodi ed oggi hanno girato contro alla LVPA, che si vede raggiunta dalla Vis Sezze in testa alla classifica. Nulla da rimproverare ai ragazzi di Pace che su un campo difficilissimo hanno giocato in maniera gagliarda e si sono arresi solo a un arbitraggio senza personalità e agli episodi.

Lascia un commento